tre mesi per leggere l’Anabasi in greco, istruzioni per l’uso

Three Months Preparation for Reading Xenophon. Copertina

Three Months Preparation for Reading Xenophon. Copertina

Ciao a tutti,

sul sito archive.org abbiamo trovato un testo-laboratorio di grammatica del greco antico essenziale – ottanta pagine circa – ma davvero ambizioso: promette infatti al lettore di portarlo a leggere l’Anabasi di Senofonte (in greco) in soli tre mesi.

Questo libro, Three Months’ Preparation for Reading Xenophon (Appleton & Company, New York, 1889), risulta essere senza copyright: si può quindi scaricare e stampare il pdf liberamente. L’autore è lo stesso James Morris Whiton del fortunato Six weeks’ preparation for reading Caesar (Ginn & Company, Boston, 1886): introduzione al latino volta alla lettura del De Bello Gallico.

 

Visto che il post precedente su questo testo è stato molto letto, approfondiamo il tema con qualche istruzione per l’uso.

Il libro è diviso in otto capitoli: dopo l’inevitabile tassa da pagare su alfabeto e fonetica, la grammatica del greco antico è presentata nell’ordine: verbo -> nome -> articolo -> aggettivi -> pronomi -> participi -> preposizioni. All’inizio era il verbo, verrebbe da dire, e il verbo (come il nome) verrà ripreso via via anche negli altri capitoli; alla fine è un piccolo vocabolario utile per gli ultimi esercizi del testo (dal XX in poi).

La struttura del capitolo è sempre la stessa: note grammaticali, lessico essenziale ed esempi, esercizi di traduzione dal greco, esercizi di traduzione dall’inglese. Nelle note grammaticali si fanno frequenti riferimenti alla grammatica di Hadley e Allen (anche questa reperibile senza problemi da archive.org: J.Hadley, F.Allen. A Greek Grammar for Schools and Colleges, D. Appleton & Co., New York, 1884): averne sotto mani il .pdf è senz’altro una buona idea.

Nel primo e all’inizio del secondo e terzo capitolo l’autore infatti, anziché introdurre i concetti di base, preferisce porli come domande e indicare al lettore dove trovare le risposte sulla grammatica Hadley-Allen; atteggiamento che non lo renderà molto popolare, temo. Non siamo più abituati infatti al “prima c’è uno scoglio d’affrontare”; resta poi altrettanto poco utile fare presente come anche Umberto Eco nel suo Pendolo di Focault adotti una strategia di selezione del lettore simile (cfr. la prefazione al PdF, ma vado a memoria, potrei ricordare male).

A parte questa stravaganza, il ritmo del testo è regolare: basta avere la pazienza di seguirlo. Mi sento solo di consigliare al lettore motivato non solo di copiare a mano sul proprio quaderno di esercizi ogni parola greca che incontri man mano nel libro, ma anche di trascrivere gli esempi e le frasi degli esercizi dal greco al computer (per chi ha il Mac, c’è anche una piccola guida all’utilizzo della tastiera greca). In questo modo acquisirà pian piano la necessaria padronanza di accenti e spiriti.

 

Buona lettura.

 

Per ogni osservazione, correzione e commento scrivete a questo indirizzo: gp . ciceri AT gmail . com (togliete gli spazi in eccesso e sostituite AT con “@”).

Annunci

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: